Via Angelo Brunetti, 60   06.36001705  06.87755731  segreteriacime@tin.it  segreteria@movimentoeuropeo.it

GIUDIZIO CIME SULLA RELAZIONE DEI CINQUE PRESIDENTI

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dopo un primo esame del documento di indirizzo “Completare l’Unione Economica e monetaria dell’Unione europea”che verrà sottoposto alla imminente riunione del Consiglio europeo del 25 giugno 2015, il Movimento Europeo - Italia ha elaborato e diffuso la seguente nota preliminare di analisi e proposta.


Il Movimento europeo ha preso atto della relazione dei 5 Presidenti, elaborata nel chiuso degli edifici delle istituzioni europee e nelle cancellerie degli stati membri, senza aver beneficiato - come viene affermato sorprendentemente nella sua introduzione - di “intense discussioni” con le società civili europea e nazionali.
Il Movimento europeo si impegna a presentare in tempi rapidi una sua controrelazione che terrà conto non soltanto delle esigenze dell’integrazione economico-monetaria ma anche delle sfide di fronte alle quali si trova l’Unione europea e che sono strettamente collegate ai problemi dell’Unione economica e monetaria.
Alla vigilia del Consiglio europeo del 25 giugno, il Movimento europeo esprime la sua più forte preoccupazione sul contenuto della relazione, sul metodo e sull’agenda proposta dai 5 Presidenti. In particolare:
• La relazione ignora totalmente il fatto che tutti i tentativi di realizzare una completa Unione economica e monetaria dell’Europa dal Rapporto Werner fino al Rapporto dei 4 Presidenti del dicembre 2012 sono falliti perché fondati su un illusorio gradualismo che avrebbe dovuto condurre per tappe successive dall’Unione monetaria a quella politica.
Ciò non è mai avvenuto e ogni volta il processo di integrazione si è fermato a metà strada dell’Unione monetaria senza imboccare né la via dell’Unione economica né tantomeno quella dell’Unione politica. In questo spirito il Movimento Europeo condivide le affermazioni di Jurgen Habermas quando scrive “diamo una patria alla nostra moneta” e chiede che “siano i cittadini e non i banchieri a dire l’ultima parola sulle questioni essenziali per il destino dell’Europa”.
• Come è avvenuto con il Trattato di Maastricht e come è stato confermato dai governi da allora in poi, l’agenda e il metodo per realizzare l’Unione politica non sono mai stati precisati né sono mai stati presi impegni politicamente e giuridicamente vincolanti per passare dall’Unione monetaria all’Unione economica, dall’Unione economica all’Unione di bilancio e infine dall’Unione di bilancio all’Unione politica.
Anche la relazione dei 5 Presidenti si limita a dire che, per le tappe successive, “occorrerà più tempo e richiederà un senso comune dell’obiettivo da parte di tutti gli stati membri e di tutte le istituzioni dell’Europa”.
Il senso comune non può essere basato su una generica affermazione di volontà ma deve fondarsi su scelte precise in termini di agenda e di metodo.
Se così non sarà, come temiamo dalla lettura della relazione dei 5 presidenti, il fallimento di questo nuovo tentativo sarà solo questione di tempo e, stavolta, sarà questione di tempo anche il fallimento del progetto europeo.
• La relazione si basa sull’errata convinzione che il corretto funzionamento dell’Unione Economica e monetaria sarà garantito dal coordinamento più stretto delle politiche economiche nazionali.
Il Movimento europeo è convinto che questo è uno degli errori più gravi del Trattato di Maastricht, testardamente ripetuto nel Trattato di Lisbona.
Il Movimento europeo è al contrario convinto che l’Unione Economica e monetaria necessiti di una autorità federale economica e finanziaria come tappa verso la creazione di un vero governo dell’economia europea.
• La relazione dei 5 Presidenti è fondata inoltre sulla errata convinzione che le convergenze strutturali fra gli stati membri e la competitività di un paese dell’Eurozona contro gli altri, dei paesi dell’Eurozona contro i paesi dell’Unione al di fuori dei paesi dell’Eurozona e dell’Unione europea contro il resto del mondo siano la premessa indispensabile per superare le asimmetrie economiche e sociali e garantire la coesione economica , sociale e territoriale (obiettivo dell’Unione europea) insieme alla crescita e allo sviluppo sostenibile.
Il Movimento europeo è convinto che, per correggere gli squilibri dell’ Unione Economica e monetaria, occorra superare le insufficienze del Trattato di Lisbona, rilanciare con politiche e strumenti europei la produttività attraverso riforme strutturali, il settore dei servizi e investimenti in progetti generatori di crescita, promuovere una comune politica industriale europea con una convergenza rafforzata tra le politiche industriali, dell’energia e del clima ma anche una apertura dei mercati e la promozione del libero scambio.
• In questo spirito il Movimento europeo ha espresso recentemente una critica articolata al Piano Juncker avanzando sue proposte sia di metodo che di contenuto.
Il Movimento europeo ha preso atto con stupore del fatto che né la Commissione né il Parlamento europeo, né governi dell’Unione abbiano proposto di integrare il Fondo previsto dal Piano Juncker nel bilancio europeo in occasione della sua mid-term review.
• Contrariamente agli annunci fatti da questo o quel governo e dalla Commissione europea, la relazione dei 5 Presidenti ignora il tema del bilancio dell’Eurozona e cioè della capacità fiscale di quest’area per consentirle di avere una sua capacità globale di resilienza che si sovrapponga a quelle degli stati membri.
Il rapporto parla invece di “politiche nazionali di bilancio responsabili per garantire la sostenibilità del debito pubblico e assicurare l’attivazione automatica di stabilizzatori di bilancio per ammortizzare gli shock economici specifici di ogni paese”.
• L’idea di istituire a lungo termine una funzione di stabilizzazione di bilancio a livello della zona euro nulla ha a che fare con il bilancio dell’Eurozona sia perché nega implicitamente la validità della dottrina economica secondo cui la funzione di stabilizzazione ha come obiettivi l’alta occupazione, la bassa disoccupazione e la buona crescita, sia perché la funzione di stabilizzazione dovrebbe intervenire avendo miracolosamente ottenuto un “considerevole grado di convergenza economica, l’integrazione finanziaria e un ulteriore coordinamento del processo decisionale sui bilanci”.
• La relazione dei 5 Presidenti fa generiche affermazioni sul controllo democratico e sulla legittimità dell’ Unione Economica e monetaria.
Tali affermazioni generiche non sono accompagnate da precise proposte di rafforzamento del ruolo del Parlamento europeo e dei parlamenti nazionali (sarebbe bastato proporre come obiettivo immediato la codecisione del Parlamento europeo sui grandi orientamenti di politica economica, il suo potere di fissare la qualità e la quantità delle risorse proprie e l’ampliamento delle competenze della Conferenza Interparlamentare prevista dall’art. 13 del Fiscal Compact).
La relazione propone di moltiplicare invece le strutture burocratiche proponendo di creare un comitato tecnocratico e consultivo europeo per le finanze pubbliche e autorità tecnocratiche nazionali indipendenti per la competitività.
• La preoccupazione maggiore del Movimento europeo come espressione della società civile organizzata risiede nel fatto che, pur avendo ricevuto un mandato limitato al completamento dell’ Unione Economica e monetaria, i 5 Presidenti abbiano rinunciato a esprimersi con coraggio e deciso di ignorare i focolai di piccoli e grandi incendi che stanno mettendo in pericolo la comune casa europea e i principi di solidarietà che fanno parte delle sue fondamenta e che sono stati richiamati più volte e con grande autorevolezza da Papa Bergoglio.
E’ evidente a tutti, salvo che ai 5 Presidenti, che si può completare l’ Unione Economica e monetaria soltanto se si prende atto seriamente del fatto che la casa comune è solo parzialmente completata e che per rafforzarne le fondamenta non basta dare l’illusione di una crescita economica equilibrata e della stabilità dei prezzi ma che occorra ampliarne le fondamenta nei suoi aspetti sociali e culturali e nella sua dimensione democratica.
• Per tutte queste ragioni il Movimento europeo ritiene indispensabile e urgente una mobilitazione della società civile per porre le basi di una forte iniziativa europea a favore del rilancio dell’Unità politica fra i popoli e i paesi del continente che vorranno impegnarsi lungo questa strada.

 

 

 Immagine2

BannerPROCESSO UE

bileurozona

rescue

agorabanner

coccodrillo

banner fake


Le Nostre Reti

eumov

eucivfor

logo asvisride logoretepace

routecharlemagne


Partner e Sostenitori

parleuitarapprita

banner12

banner11


 ed logo

Gioiosa Jonica  -  Modena  -  Nuoro  - Capo d’Orlando


 

Registrati per ricevere le nostre newsletter.
 

Sostieni le iniziative del Movimento Europeo con una piccola donazione


Movimento Europeo

Italia

E' una rete di organizzazioni che mobilita cittadini e sostiene un'unione democratica, federale e allargata dal 1948.

© Movimento Europeo  -  Realizzato da logoims

Search